Pasqua

Durante la Settimana Santa Lecce si veste a festa. Basta fare una passeggiata nelle vie principali per vedere le vetrine dei negozi addobbate con motivi pasquali, quelle dei bar abbellite con uova di Pasqua e quant’altro. Nella città vengono organizzate manifestazioni, mercatini e i consueti stand in piazza che pubblicizzano i prodotti tipici della terra salentina.

Oltre all’aspetto ludico e culinario delle festività pasquali, sono molti i riti religiosi che si ripetono ogni anno e che godono di largo seguito tra le fila dei cittadini e dei turisti giunti in visita da altre città.

Tra le manifestazioni più importanti della Settimana Santa certamente va menzionato il rito dei Sepolcri, che si tiene ogni Giovedì Santo, in tutte le chiesa della città, dalle più piccole alle più grandi e rinomate come il Duomo, Santa Croce, San Matteo, ecc.

Ogni parrocchia allestisce all’interno della propria chiesa un Santo Sepolcro commemorativo dell’ultima cena del Cristo con gli Apostoli: in genere per le decorazioni vengono utilizzati germogli di legumi, ciotole e bicchieri in creta, pezzi di pane fatto in casa, nonché candele, lumini, fiori e immagini sacre; ogni parrocchia interpreta liberamente il senso della commemorazione, dando una versione diversa del Sepolcro: alcuni sono caratterizzati da intense luci bianche, che auspicano la resurrezione, altri invece sono caratterizzati da luci soffuse o buio per invitare al raccoglimento. Ci sono parrocchie che allestiscono delle vere e proprie scenografie e altre che preferiscono celebrare una raffigurazione animata, in stile recita religiosa.

Concluso il Giovedì Santo, altri due giorni di raccoglimento e penitenza caratterizzano la Settimana Santa: il Venerdì, in cui si organizzano processioni, Via Crucis e lunghi momenti di preghiera e di raccoglimento e il Sabato in cui viene celebrata la solenne messa in notturna. Finalmente la Domenica si festeggia la Pasqua di resurrezione, ci si incontra per trascorrere un piacevole giorno di festa e si fanno programmi per il giorno di Pasquetta, il giorno dopo Pasqua.

La tradizione leccese, tuttavia, vuole che la città rimanga in clima di festeggiamenti anche il martedì dopo Pasqua, il giorno del consueto “Riu”.

L’usanza della città di Lecce richiede che, dopo aver passato una Pasqua serena e un buon Lunedì di Pasqua, l’intera famiglia, con amici e parenti, si dedichi una giornata all’aria aperta.

L’amministrazione comunale stessa ogni anno, da ormai dieci anni, organizza la giornata de “Lu Riu: la pasquetta dei leccesi”: una giornata ricca di appuntamenti per divertire i grandi e, soprattutto, i bambini, in genere organizzata nel meraviglioso Parco di Rauccio. La giornata è un momento atteso dai leccesi che possono rilassarsi e divertirsi, stando a stretto contatto con la natura: vengono organizzate escursioni, cacce al tesoro e giochi di ogni tipo.

Per chi si trovasse a Lecce per il periodo pasquale, oltre alla visita della città e dei maggiori monumenti, si consiglia un bel giro sulla litoranea: la costa salentina, sia quella ionica che quella adriatica, riesce ad offrire scorci suggestivi che emozionano tutto l’anno e non solo d’estate.

Lascia un commento